Le sette meraviglie del mondo antico

by / mercoledì, 20 Maggio 2015 / Published in Le sette Meraviglie del mondo

Le sette meraviglie del mondo antico o classiche sono opere architettoniche, installazioni e sculture che furono considerate dai Greci e successivamente dai Romani le più leggendarie e meravigliose costruzioni che l’intera umanità sia mai riuscita a produrre. Gli elenchi furono compilati in epoche diverse ma quello che viene considerato completo comprende: la piramide di Cheope, i giardini pensili di Babilonia, il mausoleo di Alicarnasso, la statua di Zeus ad Olimpia, il tempio di Artemide ad Efeso, il faro di Alessandria e Il colosso di Rodi, la citazione scritta più antica è in una poesia di Antipatro di Sidone risalente al 140 a.C. in cui però non viene riportato il faro di Alessandria, al suo posto vengono menzionate le mura di Babilonia. Le sette meraviglie del mondo antico furono contemporaneamente visibili solo tra il 250 a.C. ed il 226 a.C. in quanto successivamente a questa data cominciarono a cadere in rovina sia per catastrofi naturali sia per devastazioni, all’occasione furono usate come cave di materiali, dovute all’uomo. Erano situate: due in Egitto (La piramide di Cheope a Giza ed il faro di Alessandria), due in Grecia (La statua di Zeus ad Olimpia ed il colosso di Rodi), due in Asia Minore nell’attuale Turchia (Il mausoleo di Alicarnaso ed il tempio di Artemide ad Efeso) e una in Mesopotamia nell’attuale Iraq (I giardini pensili di Babilonia), solo la Piramide di Cheope è sopravvissuta alle distruzioni ed ancora oggi la possiamo ammirare in tutto il suo splendore. Negli articoli presenti nella pagina ho cercato di analizzarle singolarmente per quanto mi è stato possibile.

(197)

TOP