Divinità romane

by / venerdì, 06 febbraio 2015 / Published in Il blog, Miti e Leggende

I Romani avevano un Panteon molto vasto oltre alle dodici divinità principali: Apollo o Febo, Cerere, Diana, Giove, Giunone, Marte, Mercurio, Minerva, Nettuno, Venere, Vesta, Vulcano, ne figuravano tantissime altre, praticamente una per ogni cosa, per ogni occasione, per ogni esigenza:

  1. Abeona: Dea che protegge chi parte o inizia un viaggio.

  2. Adeona: Dea che protegge chi torna o termina un viaggio.

  3. Acca Larenzia: Dea di derivazione Etrusca protettrice della povera gente, delle prostitute e della sessualità, secondo alcune fonti salvò Romolo e Remo dal fiume Tevere.

  4. Aera Cura: Dea degli inferi.

  5. Aeternitas: Dea del rinnovarsi della natura.

  6. Aio Locuzio: Dio che avverte dei pericoli e delle disgrazie.

  7. Alemonia: Dea che nutre il bambino prima di nascere.

  8. Angerona: Dea che protegge dalle angosce e dai dolori.

  9. Angizia: Dea delle erbe curative.

  10. Anna Perenna: Personificazione femminile dell’anno nuovo.

  11. Annona: Dea per il buon raccolto, protegge le sementi accantonate per la semina successiva.

  12. Apollo: Dio della salute, del sole, della poesia e della musica.

  13. Aprus: Dea dei giardini che vigila sull’apertura delle corolle dei fiori.

  14. Attis: Dio della rinascita annuale della vegetazione.

  15. Aurora: Dea dell’alba portatrice di dolcezza.

  16. Averna: Dea del passaggio dalla vita alla morte.

  17. Bacco: Dio del vino, dei misteri, dell’ebbrezza.

  18. Barbatus: Dio che faceva crescere la barba, invocato dagli adolescenti.

  19. Bellona: Dea della guerra che combatteva sempre al fianco dei Romani.

  20. Bona Dea: Dea delle messi, della bontà, dedicata alle donne.

  21. Bubona: Dea protettrice dei buoi.

  22. Caco: Dio del fuoco che proteggeva dagli incendi.

  23. Caelestis: Dea protettrice delle nascite.

  24. Caelus: Dio dei cieli.

  25. Cama: Dea veggente dei neonati.

  26. Camene: Ninfe profetiche.

  27. Cardea: Dea dei cardini posta a guardia delle porte sia fisiche che metafisiche e dei punti cardinali, moglie di Giano.

  28. Carmenta: Dea dello scorrere del tempo.

  29. Cerere: Dea che ha in sé il principio della crescita.

  30. Chorus: Dio dei cantori e dei canti.

  31. Cibele: Dea della terra, della natura, della fertilità, dell’agricoltura.

  32. Cinxia: Dea della luna e dei matrimoni.

  33. Cloacina: Dea delle cloache, protettrice della pulizia delle città e della salute dei cittadini.

  34. Concordia: Dea della pace e dell’armonia della comunità.

  35. Conso: Dio della mietitura e della conservazione del raccolto.

  36. Copia: Dea dell’abbondanza delle messi e della ricchezza.

  37. Cupido: Dio dell’amore.

  38. Dea Dia: Dea dei campi e della natura.

  39. Diana: Dea degli animali selvatici, della caccia.

  40. Dioscuri: Dei della medicina e del soccorso.

  41. Discordia: Dea dell’odio e della discordia.

  42. Domiduco: Dio che accompagna la sposa a casa.

  43. Dria: Dea della pudicizia.

  44. Duellona: Dea delle sfide, delle battaglie e dei duelli, invocata nelle sfide politiche.

  45. Ebe: Dea dell’arcobaleno e delle libagioni.

  46. Egeria: Dea delle sorgenti e delle nascite.

  47. Epona: Dea dei cavalli, degli asini e dei muli.

  48. Erumna: Dea delle decisioni, che salva gli uomini dall’incertezza e dall’inquietudine.

  49. Esculapio: Dio della medicina.

  50. Fabulinus: Dio protettore dei bambini, favoriva la prima parola.

  51. Falacer: Dio protettore del bestiame, evitava attacchi di bestie feroci.

  52. Fama: Dea delle dicerie, degli onori, della fama.

  53. Fauno: Dio protettore dei pastori, degli animali e del flauto.

  54. Felicutas: Dea della ricchezza e del successo.

  55. Ferentina: Dea della pescosità.

  56. Feronia: Dea dei luoghi e degli animali selvaggi.

  57. Flora: Dea della primavera, proteggeva la fioritura dei cereali.

  58. Fontus: Dio delle fonti e delle acque dei pozzi.

  59. Fortuna: Dea del caso, della fortuna, conoscitrice del futuro.

  60. Fulgora: Dea riparatrice dei fulmini.

  61. Furie: Dee della vendetta.

  62. Giano: Dio bifronte protettore delle strade, della porta di casa e dell’agricoltura .

  63. Giove: Dio padre e re di tutti gli dei, del fulmine, del tuono e dei temporali, sovrano di tutti i dei e dei Romani.

  64. Giunone: Dea protettrice del matrimonio, assicurava fecondità alle donne, moglie di Giove.

  65. Giustizia: Dea della giustizia.

  66. Giuturna: Dea delle fonti e delle fontane.

  67. Honos: Dea dell’onore, della moralità e della lealtà.

  68. Igea: Dea dell’igiene curava i malati.

  69. Intercidona: Dea che proteggeva durante il taglio del cordone ombelicale.

  70. Irene: Dea della pace.

  71. Iside: Dea della luna, della fertilità, della magia e dell’amore, protettrice dei naviganti.

  72. Iuventas: Dea protettrice degli adolescenti.

  73. Lari: Spiriti degli antenati, proteggevano la famiglia e i campi.

  74. Liber: Dio della fecondità e dei campi.

  75. Libitina: Dea dei funerali.

  76. Lua: Dea della velocità.

  77. Luna: Dea della morte e della notte.

  78. Luperco: Dio che protegge il gregge dai lupi allontanandoli.

  79. Maia: Dea della forza generatrice della terra madre, portatrice della primavera.

  80. Mani: Dea degli inferi.

  81. Mania: Dea della morte.

  82. Marte: Dio della guerra, difensore dei Romani e dei soldati.

  83. Mater Matuta: Dea della ciclicità, delle messi, della vita e della morte, dell’aurora.

  84. Mercurio: Dio protettore del commercio e dei mercati araldo degli dei.

  85. Massor: Dio della mietitura.

  86. Minerva: Dea della sapienza, della civiltà e delle strategie in guerra.

  87. Mithra: Dio misterico del Sole.

  88. Morfeo: Dio del sonno e dei sogni.

  89. Muse: Dee protettrici di tutte le arti.

  90. Nemesi: Dea della vendetta e della giustizia.

  91. Nerio: Dio che ispira la spietatezza in guerra.

  92. Nettuno: Dio del mare.

  93. Opi: Dea dell’abbondanza e della maturazione del raccolto.

  94. Orbona: Dea protettrice degli orfani.

  95. Pale: Dio protettore del bestiame, della pastorizia e dei pastori.

  96. Penati: Dei del centro della casa e dello Stato.

  97. Persefone: Dea degli inferi, guidava gli uomini durante il trapasso.

  98. Plutone: Dio degli inferi, del mondo sotterraneo e delle ricchezze sotterranee.

  99. Pomona: Dea patrona della fruttificazione autunnale.

  100. Poros: Dio dell’ingegno.

  101. Portuno: Dio degli protettore del porto e delle porte della città.

  102. Priapo: Dio della virilità e della sessualità, protettore degli orti e dei giardini.

  103. Proserpina: Dea regina degli inferi.

  104. Quirino: Dio delle curie e del popolo romano, controllava la politica.

  105. Robiga: Dea dei boschi, delle selve.

  106. Roma: Dea protettrice dell’Urbe nelle province orientali.

  107. Rumina: Dea che fornisce e protegge il latte materno.

  108. Sabazio: Dio della fertilità.

  109. Salus: Dea della guarigione e della salute, figlia di Esculapio.

  110. Saturno: Dio dell’Età dell’Oro, protettore delle semine.

  111. Silvano: Dio dei boschi e delle campagne, protettore delle selve.

  112. Soranos: Dio della morte, della fine.

  113. Sterculo: Dio della concimazione dei campi.

  114. Strenua: Dea che portava regali ai bambini.

  115. Summano: Dio dei fulmini e dei tuoni notturni.

  116. Tacita: Dea dei segreti e del silenzio.

  117. Tana: Dea della trasformazione e dell’arte magica.

  118. Tellumo: Dio che vigilava sulla crescita delle piante.

  119. Tellus: Dea della natura e della Terra stessa.

  120. Terminus: Dio dei confini, sia fisici che spirituali.

  121. Tiberino: Dio che personificava il fiume Tevere.

  122. Urano: Dio della volta celeste.

  123. Vaticano: Dio che apre la bocca al neonato, permettendogli di emettere il primo vagito.

  124. Venere: Dea dell’amore, della bellezza e della sessualità.

  125. Venilia: Dea degli abissi marini.

  126. Veritas: Dio della sincerità e della lealtà.

  127. Vesta: Dea del fuoco uranico, del focolare domestico.

  128. Victoria: Dea della vittoria.

  129. Viduus: Dio che separa il corpo dall’anima dopo la morte.

  130. Virbio: Dio della caccia.

  131. Virginia: Dea della politica.

  132. Virtus: Dea del coraggio in battaglia.

  133. Volturno: Dio del vento.

  134. Volupia: Dea del piacere sessuale protettrice delle prostitute.

  135. Vulcano: Dio del fuoco e della metallurgia.

Il Panteon Romano non si esauriva qui, sicuramente vi sono altre divinità conosciute e probabilmente ve ne sono altre la cui esistenza si è persa nel trascorrere del tempo. I Romani, conquistando territori e popoli importavano spesso anche le loro credenze, le loro divinità. Il Panteon Romano si ingrandiva continuamente, a titolo di esempio le dodici divinità maggiori avevano tutte una corrispondenza con quelle greche: Apollo o Febo “Apollo”, Cerere “Demetra”, Diana “Artemide”, Giove “Zeus”, Giunone “Era”, Marte “Ares”, Mercurio “Ermes”, Minerva “Atena”, Nettuno “Poseidone”, Venere “Afrodite”, Vesta “Estia”, Vulcano “Efesto”. Naturalmente le correlazioni con le divinità greche vanno oltre quelle principali, vi sono poi le corrispondenze con quelle Etrusche: Apollo o Febo “Aplu”, Cerere “Matris”, Diana “Artimi”, Giove “Tinia”, Giunone “Uni”, Marte “Laran”, Mercurio “Turms”, Minerva “Menvra”, Nettuno “Nethuns”, Venere “Turan”, Vulcano “Velch”. Dalla Persia o dall’Anatolia i Romani importarono il culto di Mithra, dall’Egitto quello di Iside ecc.ecc.

(453)

Tagged under: ,
TOP