Il complesso basilicale e monumentale di Santa Cristina fu edificato fuori dall’area urbana di Bolsena, o meglio a circa trecentocinquanta metri dal limite meridionale dell’antica Volsinii. Fu costruita sopra il sepolcro della Santa Martire e nelle vicinanze di una necropoli paleocristiana, per l’esattezza su una basilica ipogea detta “Grotta di Santa Cristina“, posta all’entrata di

Un piccolo borgo, una cittadina interessante e caratteristica che si trova, al confine tra Lazio e Umbria, nella valle dei Calanchi, tra il lago di Bolsena, a ovest e la valle del Tevere, a est, nel comune di Bagnoregio. Civita di Bagnoregio fu edificata su un colle tufaceo e argilloso cuneiforme a circa quattrocento quarantatré

Questo palazzo è un edificio di Anagni legato alla figura di papa Bonifacio VIII, anche perché l’8 settembre 1303 fu, secondo la tradizione popolare, lo scenario del celebre “Schiaffo di Anagni”. Quest’avvenimento, che è ricordato anche come l’oltraggio di Anagni, fu probabilmente un’ingiuria morale, anche se, la leggenda narra che Sciarra Colonna schiaffeggiò Bonifacio VIII,

 . Il museo della cattedrale è molto interessante, ben organizzato il percorso che permette di vedere: la Biblioteca, la Sala Capitolare, le Sagrestie, la Cappella del Salvatore, il Tesoro, la Cripta di San Magno, l’Oratorio di Thomas Becket e il Lapidario. Nel museo è custodita una ricca collezione di oggetti e pitture di diverse epoche,

Anagni, la Cripta di San Magno.

giovedì, 19 aprile 2018 by

Prima di iniziare il viaggio in questo meraviglioso luogo, ritengo necessaria una piccola premessa. In quest’articolo non troverete album fotografici, la fotografia di copertina è stata presa, in piccolo formato, da internet, poiché in tutti i sotterranei della Cattedrale di Anagni sono vietate le riprese fotografiche. Noi abbiamo provato a chiedere il permesso che ci

La cattedrale di Santa Maria Annunziata fu costruita, tra il 1072 e il 1104, per opera e volere del vescovo Pietro dei Principi di Salerno, personaggio molto vicino a papa Gregorio VII. Un racconto posto tra la realtà e la leggenda vuole che, l’edificazione della chiesa avvenne grazie alla generosa donazione dell’Imperatore d’Oriente Michele VII

Anagni, gli edifici del Centro Storico. Come detto in precedenza, il centro Medioevale di Anagni è ancora ricco di edifici e chiese degne di nota. Qui cercherò di descrivere quelli di cui si hanno poche notizie, in qualche modo di quelli definiti minori, i più importanti sono trattati a parte, a dirla tutta non è

Anagni, la città dei Papi.

mercoledì, 04 aprile 2018 by

Anagni, la città dei Papi. La cittadina di Anagni, comune in provincia di Frosinone, è conosciuta come la città dei papi, poiché in questo centro nacquero quattro pontefici e inoltre, fu residenza e sede papale. Ad Anagni nacquero: Innocenzo III, Alessandro IV, Gregorio IX e Bonifacio VIII, al secolo, rispettivamente, Lotario Conti che assunse la

Il Monastero di San Benedetto, è un cenobio benedettino, situato nel territorio del comune di Subiaco, a 600 metri di altitudine sul livello del mare. Fu fondato, nel 1090, per volere e opera del Beato Palumbo che chiese all’abate Giovanni V di Santa Scolastica, il permesso di stabilirsi vicino la grotta che vide eremita San

Ponte San Francesco Si tratta di un ponte molto caratteristico, è uno dei luoghi tra i più interessanti e i più belli della cittadina, posto, sull’Aniene a poca distanza dall’ingresso alla città, prende il nome dal vicino convento di San Francesco. Il ponte fu costruito interamente in blocchi di una pietra locale detta “Cardellino” di

. La Rocca dei Borgia di Subiaco, o meglio, la Rocca Abaziale fu edificata, per volere dell’abate di Santa Scolastica Giovanni V, tra il 1073 e il 1077. La costruzione di questo edificio aveva un duplice scopo, uno difensivo, infatti, la Rocca presentava fortificazioni, carceri, una torre di avvistamento e una chiesa dedicata a San

La storia Papa Gregorio I che in seguito sarà ricordato come San Gregorio Magno, scrisse nella sua opera letteraria “I Dialoghi” che San Benedetto fondò nella valle di Subiaco dodici cenobi, che furono abitati dai monaci del suo ordine. San Benedetto visse per qualche tempo in un luogo sulla riva destra del fiume Aniene fondando

Subiaco: La villa di Nerone.

sabato, 03 febbraio 2018 by

L’importanza archeologica di questa ridente cittadina, da sempre unita ai monasteri benedettini, è strettamente legata alla grande e probabilmente maestosa villa, che Nerone fece costruire lungo l’Aniene, per riposarsi e dilettarsi dopo le “Fatiche della Città”. “Da un’altra direzione l’Aniene, nato dal monte di Trevi, porta al Tevere l’acqua di tre laghi celebri per la

Subiaco un comune della provincia di Roma di circa sessantatremila chilometri quadrati e quasi diecimila abitanti, è situato a quattrocent’otto metri sul livello del mare sopra un colle alle falde del Monte Calvo e alla destra del fiume Aniene. Il territorio comunale si sviluppa sia in pianura, sia in montagna ed è attraversato dall’Aniene e

La Necropoli di Villa Doria Pamphilj.

martedì, 02 gennaio 2018 by

Via Aurelia, la più lunga strada consolare Romana, come le altre vie, era costeggiata da un elevato numero di sepolcri, parte della necropoli della via Aurelia è riemersa nei pressi del Casino del Bel Respiro di Villa Doria Pamphilj, ovvero la palazzina seicentesca dell’Algardi, oggi di pertinenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La necropoli

La villa di Livia a Prima Porta.

sabato, 25 novembre 2017 by

Livia Drusilla Claudia era la moglie dell’imperatore Cesare Ottaviano Augusto, nonché bisnonna di Caligola e trisavola di Nerone, in prime nozze sposò Tiberio Claudio Nerone, un politico e nobile romano, da quest’unione nacque Tiberio, il futuro imperatore. Durante la gestazione di un secondo figlio, Druso, si separò dal marito e sposò Augusto nel 38 a.C.,

Tagged under: ,

La storia della basilica San Giacomo Maggiore iniziò in un lontano aprile del 1267 quando si diede il via ai lavori di scavo delle fondamenta di una nuova chiesa e quando, nel mese successivo e con una cerimonia solenne, si effettuò la posa della prima pietra. Questi i dati ufficiali, però, una comunità di eremiti,

Cimitero Acattolico di Roma

lunedì, 02 ottobre 2017 by

  CIMITERO ACATTOLICO   A pochi passi dalla Piramide, anzi attaccato ad essa, si trova il Cimitero Acattolico di Roma. La Chiesa Cattolica vietava di seppellire in terra consacrata i non Cattolici che dovevano essere seppelliti fuori le mura cittadine: Protestanti, Ebrei, Ortodossi, suicidi ed attori. Nel XVIII secolo la zona era detta “I prati

TOP