Facciamo un viaggetto in un sito molto particolare, in una regione altrettanto straordinaria, lontano da casa nostra, ma non per questo poco interessante, anzi… La lettura che state affrontando è piuttosto lunga e con sorpresa finale, ma potete usufruirne affrontandola in più volte e in più giorni, tanto l’articolo sarà sempre qui ad aspettarvi. Stiamo

Siamo in Guatemala, Tikal è nel dipartimento di Peten e fa parte del parco nazionale di Tikal, il sito è annoverato come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. I resti di questa città Maya sono adir poco affascinati, non a caso è divenuta, nel tempo, una delle maggiori mete turistiche della Mesoamerica, è a circa trenta chilometri da

Un titolo altisonante, ma non troppo, una “Metropoli” precolombiana di cui non si conosce ancora il nome originario, ma in alcuni testi geroglifici della regione Maya compare definita come “Puh”, ossia la regione dei canneti. Il nome Teotihuacan fu dato alla città dagli Aztechi ma solo secoli dopo la sua caduta, la cui traduzione non

Una leggenda narra che la casa degli Aztechi era Aztlan, in lingua Nahuatl dovrebbe significare “Luogo dell’airone” o “Luogo di origine”, ma dove era Aztlan? Molti studiosi credono che fosse posta in qualche zona a nord della valle del Messico o tra il Messico centrale e il sud ovest degli attuali Stati Uniti, ma altri

. Gli Inca. . . . Gli Inca, una popolazione che diede vita a una delle maggiori civiltà precolombiane, un impero che si sviluppò nell’altopiano andino tra il XIII e XVI secolo. Durante questo periodo assimilarono in maniera pacifica e conquistarono militarmente una gran parte del Sud America occidentale. Alcuni studiosi sono convinti che la

I Maya. Tra le culture Mesoamericane, i Maya rappresentano quella più importante con i suoi aspetti distintivi, questa popolazione, nonostante grosse lacune tecnologiche, avevano conoscenze: astronomiche, associate all’uso di un calendario molto preciso; matematiche, soprattutto per l’uso dello zero; artistiche; architettoniche; urbanistiche. I Maya idearono un sistema di scrittura, l’unico nelle Americhe precolombiane, svilupparono pienamente

Gli Aztechi. Credo che non esista qualcuno, al mondo, che non abbia sentito parlare degli aztechi ma, pochi sanno che questo nome fu coniato dal geografo tedesco Alexander von Humboldt, ciò per distinguere questa popolazione, precolombiana, dai Messicani moderni. Gli appartenenti a questa civiltà si definivano “Mexica” o “Tenochca“, provenivano dalla California settentrionale, si stanziarono

Gli Anasazi, la cultura Purepecha o Tarasca e quella Vicús. Le descrizioni di queste civiltà non sono in ordine cronologico, tranne che per quanto riguarda quella Olmeca che, secondo gli studiosi, fu quella che per prima si sviluppò in Mesoamerica. . . . .    12. Anasazi. Si tratta di un popolo nativo del Nord

I Taino, i Ciboney, i Pipil, i Tepanechi, i Muisca. Le descrizioni di queste civiltà non sono in ordine cronologico, tranne che per quanto riguarda quella Olmeca che, secondo gli studiosi, fu quella che per prima si sviluppò in Mesoamerica. . . . Taino. Quando gli europei giunsero nel nuovo continente la prima civiltà con

I Mixtechi, i Totonachi, gli Huaxtechi. Le descrizioni di queste civiltà non sono in ordine cronologico, tranne che per quanto riguarda quella Olmeca che, secondo gli studiosi, fu quella che per prima si sviluppò in Mesoamerica. . . . Mixtechi. Questo popolo precolombiano si stanziò in Messico in quello che è l’attuale stato di Oaxaca,

Gli Olmechi, i Toltechi, gli Zapotechi. Le descrizioni di queste civiltà non sono in ordine cronologico, tranne che per quanto riguarda quella Olmeca che, secondo gli studiosi, fu quella che per prima si sviluppò in Mesoamerica. . . . . Olmechi. La civiltà degli Olmechi, la “Cultura Madre” Mesoamericana, fu la prima civiltà ad alto

Civiltà Precolombiane.

sabato, 03 novembre 2018 by

Le civiltà Precolombiane. Dal nome si intuisce che si tratta di civiltà nate, fiorite, decadute e morte prima della scoperta del continente americano, avvenuta nel 1492 da parte del genovese Cristoforo Colombo. Si fa spesso, però, quanto si parla di Civiltà Precolombiane, riferimento a quei popoli che sorsero e vissero in Mesoamerica e Sud America,

Cronologia delle Civiltà Mesoamericane. . – I periodi o le cronologie Mesoamericane. Si tratta, semplicemente, di modelli sviluppati da alcuni studiosi, per inquadrare la storiografia e lo sviluppo dei popoli Mesoamericani, fino alla conquista spagnola dei loro territori. Il problema è che quasi ognuno che ha studiato queste popolazioni, del Centro America, ci ha fornito

Iniziamo un lungo e interessante viaggio tra le lontane civiltà Precolombiane. Un viaggio che ci farà conoscere la storia di questi popoli a volte misteriosi. Culture spesso diverse dalle nostre e a volte brutali, secondo il nostro punto di vista. Si tratta di popoli che difficilmente hanno lasciato testimonianze scritte e che ancor più spesso

Il Parco delle Tombe di via Latina.

venerdì, 08 dicembre 2017 by

A poca distanza dalla via Appia Antica passa l’antica via Latina, la strada romana che collegava l’Urbe alla città di Capua, poiché i defunti dovevano essere inumati al di fuori delle mura cittadine, ossia al di là del pomerio, chi poteva sceglieva il percorso delle vie consolari o comunque delle strade più importanti. L’area archeologica

La storia della basilica San Giacomo Maggiore iniziò in un lontano aprile del 1267 quando si diede il via ai lavori di scavo delle fondamenta di una nuova chiesa e quando, nel mese successivo e con una cerimonia solenne, si effettuò la posa della prima pietra. Questi i dati ufficiali, però, una comunità di eremiti,

La basilica di Santa Maria dei Servi è un’antica chiesa di Bologna, la sua costruzione iniziò nel 1346, molto probabilmente senza grandi pretese, come luogo di culto dell’ordine dei Servi di Maria. Come San Petronio, anche questa basilica esprime la cultura del tardogotico bolognese, nel 1386 padre Andrea Manfredi da Faenza, generale dell’ordine, decise l’ampliamento

Bologna, una città più antica di Roma, la sua fondazione si perde tra miti e leggende del passato più remoto, alcuni attribuiscono la sua fondazione all’umbro Ocno, il quale fuggì dall’Umbria a causa del re Etrusco Auleste, in seguito scacciato di nuovo dagli etruschi. Un’altra leggenda narra che fu Felsino, discendente Ocno, non lo stesso

TOP